Cassatella di Agira De.Co.

Carrello




Il carrello è vuoto.

   

You are here: Home Agira
Decrease font size  Default font size  Increase font size 
Agira Stampa E-mail

Agira è un paese dell'entroterra siciliano dalle origini antichissime che si perdono nella mitologia. Ad Agira, paese natio di Diodoro Siculo, il tempo si è fermato e ha conservato integre e vive tradizioni uniche, sapori travolgenti.

Eretta sul monte Teja, Agira domina le colline circostanti e le valli del Salso e del Dittaino, i suoi paesaggi si perdono tra l'azzurro sconfinato del cielo, le sterminate colline che la circondano e le limpide acque del lago Pozzillo.

agira-panor...
agira-panorama-01
agira-panor...
agira-panorama-02

Breve excursus storico

Agira vanta una storia millenaria. La sua origine si colloca già ai tempi delle prime frequentazioni umane nella zona interna della Sicilia e la sua storia interagisce con quella dei centri più interni dell’isola.

Il suo stesso nome denota un’origine chiaramente greca se, come sostengono diversi studiosi, deriva dal greco Argyrion o Agyrion che significa argento. Sul suo territorio sembra, infatti, che fossero presenti delle miniere di argento ben visibili fino al secolo XVI. Il paese, in origine abitato dai Siculi, durante il periodo greco svolge un ruolo importante, secondo quanto scrive  Diodoro Siculo, nella lotta tra Siracusa e Cartagine. Questo fatto permette agli abitanti di ottenere la cittadinanza siracusana. Nello stesso periodo la città è ricoperta di splendide opere pubbliche come alcuni templi ed il teatro, mentre è particolarmente fiorente il culto di Eracle.

Recenti scavi archeologici hanno riportato alla luce i magnifici resti dell'antica acropoli greca di Agyrion. Un'altra chiara testimonianza del periodo greco di Agira è costituita dal fatto che le imponenti chiese di Santa Maria Maggiore e del Santissimo Salvatore poggiano su templi greci. Diversi indizi portano a ipotizzare l'esistenza di uno splendido teatro che giace al di sotto della discesa Rosselli.

Agira riveste notevole importanza anche nel periodo romano, durante il quale Cicerone la descrive incantato nelle sue Verrine.

In seguito il paese passa sotto la giurisdizione dell’impero d’Oriente. Nel periodo bizantino sembra essersi sviluppato un importante cenobio basiliano, la cui importanza è dimostrata dalla menzione nelle agiografie di santi monaci dell’area italo-greca e da recenti studi sulla vita di   S. Filippo, attribuita al monaco Eusebio. Di tale cenobio di rito greco non resta alcuna traccia, poiché molto probabilmente è stato abbandonato nel IX secolo senza alcun apparente motivo, anche se esso può essere ravvisato in una carestia o in un’improbabile repressione araba.

Nel 1063 si combatte nel territorio tra Agira e Nicosia un’importante battaglia tra arabi e normanni nella quale resta ucciso il nipote del conte Ruggero, di nome Sano, dal quale la contrada prese il nome, mentre il conte Ruggero viene ospitato per alcuni giorni nel convento di Agira. Nel 1094 il convento di Agira viene ripopolato con monaci benedettini, ampliato ed arricchito con donazioni di suppellettile, rendite e feudi, mentre viene dedicato a S.Maria Latina.

Nel periodo normanno vengono edificate diverse chiese tra le quali meritano particolare menzione quelle di S. Maria Maggiore e del SS. Salvatore. Ai normanni seguono gli svevi, dai quali nel 1215 viene edificata la chiesa di S. Margherita su quella che prima era una chiesa bizantina dedicata a S. Sofia con una cappelletta in onore di S. Sebastiano.

Carlo V nel 1537 conferisce ad Agira il titolo di città e, in seguito al versamento di quindicimila formi, il privilegio di «meno e misto impero», mentre il territorio è aggregato al regio demanio e non può essere venduto, nè alienato, né pignorato, nè concesso in baronia. Alla città viene, inoltre, concesso il diritto di possedere il gonfalone, che è rosso con un’aquila bifronte mentre al centro campeggia su fondo azzurro la figura di S. Filippo in abiti sacerdotali.

Nonostante il privilegio imperiale nel 1625 Filippo IV vende Agira a dei mercanti genovesi, ma la popolazione si tassa per pagare il riscatto che le permette di riottenere gli  antichi privilegi.

La ricchezza di Agira nell’età spagnola e in genere nei secoli XV- XVII è testimoniata dal fatto che la maggior parte delle chiese esistenti subiscono ampliamenti e rifacimenti, atti a conferire maggiore sfarzo. Tra gli edifici di culto eretti in questo periodo bisogna ricordare le chiese di S.Antonio di Padova e di S.Pietro apostolo. Anche la vita  religiosa è assai fiorente per la presenza di vari ordini sia maschili che femminili. La prosperità economica del paese è testimoniata dalla presenza di un’importante fiera nel periodo 1-18 maggio, in occasione della festa di S. Filippo, che richiama grandi masse di forestieri dalle zone circostanti. Nel corso di questo secolo anche il culto di S. Filippo assume nuovo splendore e nel 1599, durante i lavori di ampliamento della chiesa di S. Maria Latina, vengono rinvenuti i resti del Santo insieme a quelli di altri Santi.

Nell’ottocento il numero della popolazione e la ricchezza di Agira iniziano a declinare per vari motivi, quali la mancanza di fondi pubblici, i dazi esorbitanti sui generi di prima necessità, l’ingordigia degli appaltatori delle tasse,  lo spopolamento  dovuto all’emigrazione e al fatto che molti avviano i figli alla carriera ecclesiastica, la mancanza di strade.

Durante il periodo risorgimentale anche Agira risente di un certo spirito rivoluzionario per la presenza di alcuni carbonari che si riuniscono a casa del barone Zuccaro, mentre il passaggio di Garibaldi suscita, come negli altri paesi siciliani, più entusiasmo momentaneo che reali cambiamenti.

Tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento si fa sempre più larga la piaga dell’emigrazione che in questo periodo ha come meta le due Americhe, le cui terre sembrano promettere delle possibilità di vita più prospera tranquilla.

Durante la prima guerra mondiale molti sono i caduti. Nel periodo fascista viene eretto un monumento in piazza Fortunato Fedele, ai giovani morti in battaglia in terra lontana. Durante la seconda guerra mondiale il paese rischia i essere bombardato in seguito alla resistenza di alcuni tedeschi che non vogliono arrendersi agli americani.

Se nel passato Agira è stato un grosso centro abitato con una presenza di più di ventimila abitanti, oggi il numero degli abitanti è decisamente sceso intorno alle settemila unità.

 
Banner
Cassatelle di Agira, valigetta
Cassatelle di Agira, valigetta
€14,40



Salame al pistacchio agirino
Salame al pistacchio agirino
€18,00



Bassorilievo San Filippo di Agira
Bassorilievo San Filippo di Agira
€48,00



Pancetta di Agira
Pancetta di Agira
€13,00



Bassorilievo Persefone e Ade
Bassorilievo Persefone e Ade
€42,00



Sondaggi

Outlet Factory Village di Agira - Farà da traino per l'economia?
 

Italian (Italy)English (United Kingdom)

Hotel, Alberghi, B&B ad Agira

Facebook Connect Login Box

I'm sorry myApi login is currently not compatible with Internet Explorer. Download Chrome, that's what all the cool kids are using

Connect with facebook

Facebook Connect

Hi , login or create a new account below

Login

Register

If you already have an account with this website login with your existing user name and password to enable Facebook Connect. From now on you'll be able to use our one click login system with your facebook credentials instead of your current user and password

Alternativley to create a new account using details from your Facebook profile enter your desired user name and password below. These are the details you can use to log into this website if you ever decide to delete your facebook account.

Forgot your password? - Forgot your username?

Calendario degli eventi di Agira

<<  Dicembre 2017  >>
 L  M  M  G  V  S  D 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Chi e' online

 66 visitatori online